Ti trovi qui:Home/Ristoranti/PerPranzo dalla parte degli esercenti: pagamenti garantiti entro il 10 del mese

PerPranzo dalla parte degli esercenti: pagamenti garantiti entro il 10 del mese

Ti trovi qui:Home/Ristoranti/PerPranzo dalla parte degli esercenti: pagamenti garantiti entro il 10 del mese

PerPranzo dalla parte degli esercenti: pagamenti garantiti entro il 10 del mese

perpranzo-esercenti-pagamenti-garantiti

Stanco di accettare ticket restaurant e ricevere pagamenti dopo mesi con commissioni altissime? Entra a far parte del network PerPranzo e dì addio ai ticket restaurant

I ticket restaurant non sono un buon affare per nessuno, soprattutto per i ristoratori: commissioni altissime e ritardi nei pagamenti sono un problema che affligge praticamente la totalità dei ristoratori, che continuano ad accettarli solo per venire incontro alle esigenze di aziende e lavoratori. 

Non è un mistero che il sistema dei buoni pasto faccia acqua da tutte le parti, come testimoniano le proteste che negli anni hanno visto i ristoratori tentare di sottrarsi al business dei ticket restaurant: secondo i dati raccolti da Ascom e riguardanti la sola provincia di Bergamo*, gli esercizi commerciali che accettano buoni pasto sono passati dal 54% del 2003 al 48% del 2020, con un calo drastico soprattutto nella verticale trattorie e ristoranti. 

Attiva PerPranzo per il tuo ristorante

Accedi a PerPranzo ZERO FEE

Buoni pasto: un sistema “fallimentare” per i ristoratori

Il motivo sono non soltanto le commissioni altissime, pari a circa il 30% dell’incasso, che i ristoratori sono tenuti a pagare, ma anche il ritardo nei pagamenti, che spesso arrivano con mesi e mesi di ritardo: una situazione non sostenibile per chi deve gestire un’attività di ristorazione che presenta una serie di costi, come quelli legati all’acquisto degli alimenti, che non possono certo essere tagliati. 

Esistono aziende virtuose che pagano anche dopo un mese, ma è raro, spesso un esercente deve aspettare anche 5-6 mesi per incassare il valore dei buoni pasto ricevuti” ha dichiarato il vice-direttore di FIPE in un’intervista a Today.it del febbraio 2020, in alcuni casi a fronte di contratti che non permettono agli esercenti di rifiutare il pagamento con i ticket.

Come uscire dal “giro” dei buoni pasto?

Per fortuna un’alternativa più economica, vantaggiosa e trasparente ai buoni pasto, esiste: si chiama PerPranzo, ed è il network di mensa aziendale diffusa che connette ristoratori e aziende per garantire ai lavoratori la possibilità di mangiare ogni giorno un pasto caldo, cucinato al momento e soprattutto sano, con un occhio al risparmio e ai tempi di rimborso dei ristoratori.

PerPranzo infatti non solo ha le commissioni più basse sul mercato rispetto a buoni pasto e pagamenti tramite POS, ma ti garantisce anche massima puntualità nei pagamenti: i rimborsi per i pasti consumati vengono inviati mese per mese, naturalmente previa invio della relativa fattura. 

Con PerPranzo quindi potrai contare su un rimborso mese per mese, erogato in tempi rapidi: ti garantiamo massima trasparenza e pagamenti regolari entro il 10 del mese.

Scopri come attivare PerPranzo nel tuo ristorante in questo articolo del nostro blog.  

*Fonti: L’eco di BergamoCentro Studi Fipe

Attiva PerPranzo per il tuo ristorante

Accedi a PerPranzo ZERO FEE
Published On: 27 Aprile 2020Categorie: Ristorantitag = , , ,

About the Author: Giuliana Gugliotti

Giornalista, blogger e social media manager freelance. Aiuto aziende e professionisti a raccontare la loro storia e a costruirsi un’identità vincente sul web.